avete vinto conquistando il metallo più prezioso. Marco Liberatore coach delle Azzurre era convinto che al Mondiale la squadra sarebbe stata al 100% e aggiungeva: ”come ogni mondiale si punta ad arrivare più in alto possibile, sarà poi il confronto con le avversarie e delineare i limiti alle proprie ambizioni, ma questo non vuol dire che non punteremo all’oro…e se per questo saremo troppo ambiziosi ce lo dirà il campo…. Complimenti Marco per aver preparato oltre che tecnicamente anche con ambizione queste “straordinarie ragazze” il campo ti ha dato ragione e l’oro è stato conquistato. Con rammarico e anche con vergogna la stampa e le Tv nazionali non hanno dato nessun risalto a questo grande evento, forse molti non sanno nemmeno che esiste l’hockey femminile (soltanto i giornali locali e provinciali riportavano qualche articolo a conclusione di ogni gara), era pur sempre un Campionato Mondiale dove una squadra composta da giovanissime ragazze volonterose che sacrificano il loro tempo con passione, e i momenti liberi li dedicano interamente allo studio ha vinto una Medaglia d’oro diventando nel girone "Campione del Mondo" e nella serata finale dopo la vittoria hanno sventolato il Tricolore cantando Fratelli d'Italia e l’anno prossimo si ritroveranno a giocare con le grandi squadre dell’ hockey mondiale. Ma forse nell’ hockey e non solo anche in tanti altri sport (per citarne alcuni pallavolo, scherma, atletica etc etc) non gira molto denaro come nel calcio e nella formula uno. Tutti gli sport che danno lustro alla nostra Italia dovrebbero essere considerati alla pari, ma purtroppo non è così Bravissime e ancora una volta complimenti “Ragazze” con la vittoria di Sabato siete riuscite a scrivere una pagina di “Storia Italin Photostory | Spreafotografia.it il portale dedicato alla Fotografia." />

Campionato Mondiale Hockey Femminile - Photostory

Maurizio Pretto

Autore: Maurizio Pretto

Aggiunto: | Data Scatto: 2018/04/14 | Luogo Scatto:Asiago - Stadio del Ghiaccio
Campioni del Mondo – Campioni del Mondo – Campioni del Mondo La Nazionale Femminile Senior Italiana è stata una delle sei protagoniste dei Campionati Mondiali di Divisione 1 Gruppo B, che avevano preso il via Domenica 8 e si sono conclusi Sabato 14 Aprile, al Pala Odegar (Stadio del Ghiaccio) di Asiago Le Azzurre hanno affrontato nell’ordine la Lettonia, gara di esordio e sono partite veramente alla grande vincendo 5 a 1, a seguire l’incontro con la squadra del Kazakistan e anche qui un’altra straordinaria vittoria per l’Italia 4 a 1, il 10 Aprile le squadre riposano, si riprende Martedì 11 e le Azzurre incontrano la Korea del Sud, perdono dopo una partita combattutissima: Korea 3 – Italia 2, il 12 Aprile gara con la Polonia, le Azzurre vincono 2 a 1, il 13 giornata dedicata a allenamento e nessuna gara. Ed ecco la serata finale Sabato 14 gara con la Cina che era la favorita vincente del gruppo L’Italia vince 2 a 1. Le nostre piccole (piccole in quanto la squadra è composta anche da giocatrici molto giovani) ma “GRANDI” Azzurre in questa partita hanno dato l’anima emozionando e incantando il pubblico presente hanno dimostrato tutta la loro grinta e sono riuscite a far commuovere anche qualche spettatore Verso gli ultimi minuti di gare il pubblico incitava le ragazze al grido di Italia-Italia-Italia. Erano 18 anni che le Azzurre non vincevano in un campionato simile, ora sono promosse nella Prima Divisione Gruppo A. Il compito delle Azzurre era di giocare senza pressione dando il meglio per fare esperienza. E il meglio l’hanno dato anzi di più. Carola Saletta, dal 2016 è per il terzo anno il Capitano della squadra e aveva detto prima dell’inizio gare: "…essere il Capitano per me è sicuramente un grandissimo onore, bisogna essere di esempio, ma soprattutto essere forti e positivi anche nei momenti più difficili da gestire….il nostro obbiettivo in questa Divisione è quello di conquistare una medaglia e fra tutte quella del metallo più prezioso. Abbiamo le carte in regola per puntare in alto e tanta voglia di vincere". Bravissima Carola, complimenti a te e a tutta la squadra: “avete vinto conquistando il metallo più prezioso. Marco Liberatore coach delle Azzurre era convinto che al Mondiale la squadra sarebbe stata al 100% e aggiungeva: ”come ogni mondiale si punta ad arrivare più in alto possibile, sarà poi il confronto con le avversarie e delineare i limiti alle proprie ambizioni, ma questo non vuol dire che non punteremo all’oro…e se per questo saremo troppo ambiziosi ce lo dirà il campo…. Complimenti Marco per aver preparato oltre che tecnicamente anche con ambizione queste “straordinarie ragazze” il campo ti ha dato ragione e l’oro è stato conquistato. Con rammarico e anche con vergogna la stampa e le Tv nazionali non hanno dato nessun risalto a questo grande evento, forse molti non sanno nemmeno che esiste l’hockey femminile (soltanto i giornali locali e provinciali riportavano qualche articolo a conclusione di ogni gara), era pur sempre un Campionato Mondiale dove una squadra composta da giovanissime ragazze volonterose che sacrificano il loro tempo con passione, e i momenti liberi li dedicano interamente allo studio ha vinto una Medaglia d’oro diventando nel girone "Campione del Mondo" e nella serata finale dopo la vittoria hanno sventolato il Tricolore cantando Fratelli d'Italia e l’anno prossimo si ritroveranno a giocare con le grandi squadre dell’ hockey mondiale. Ma forse nell’ hockey e non solo anche in tanti altri sport (per citarne alcuni pallavolo, scherma, atletica etc etc) non gira molto denaro come nel calcio e nella formula uno. Tutti gli sport che danno lustro alla nostra Italia dovrebbero essere considerati alla pari, ma purtroppo non è così Bravissime e ancora una volta complimenti “Ragazze” con la vittoria di Sabato siete riuscite a scrivere una pagina di “Storia Italin

  • 444
  • 0
  • 0
  • 0

Descrizione

Nikon 750
ob 70-200 - e 24-70 f2,8 Nikon
Nikon 85 -f 1,8 e 50 f 1,4

Commenti

Effettua il Login o Registrati per commentare



Condividi Photostory

Foto Tags

Photostory Preferita

Photostory Likes

Altri Photostory su Sprea Fotografia