Da trent’anni Antonio Saba cattura la bellezza sotto diverse forme: dalla fotografia di architettura al life style

 

 

 

 

 

 

Classe 1966, Antonio Saba ha avuto prima uno studio a Cagliari e uno a Milano, poi, per un breve periodo, ha lavorato negli Stati Uniti e dal 2013 vive e lavora a Dubai, considerata punto strategico sia come base per raggiungere il resto del mondo sia come principale fonte di business. “Le agenzie, quelle classiche, ci sono tutte“, afferma Saba. A queste, poi, si aggiungono quelle libanesi. “In questi anni mi sono concen- trato nel settore dell’hospitality: a Dubai si aprono quattro o cinque grandi alberghi ogni anno. Mi occupo della produzione fotografica, in particolare per l’advertising, ma anche per le pubblicazioni editoriali e i nuovi media“.

Antonio Saba, forte della ventennale esperienza di banco ottico e pellicola, cerca di realizzare gli scatti il più definiti possibili anche se poi comunque si affida alla post-produzione digitale per rifinire il file. “La fotografia dell’angelo in volo sulla terrazza quella con alle spalle la torre Burj Khalifa, èstata ultimata in post. La figura non l’ho scattata in studio, ma in una terrazza dal vero. Le ali, invece, le ho fotografate successivamente, a Barcellona, utilizzando la stessa luce.“[…]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre al business legato al lusso e al life style, Antonio Saba si sta dedicando al settore della fine art: cioè una produzione che implica tecnica e qualità nonché tutte le attenzioni normalmente richieste dal circuito delle gallerie d’arte e dei musei. L’autore, infatti, ha da poco pubblicato il libro Chasing Beauty a cura di Vittorio Sgarbi e Cristina Mazzantini, in cui sono presenti circa un centinaio di immagini che ripercorrono e confermano la sua produzione artistica in attesa dei prossimi appuntamenti espositivi “Non ho ancora individuato una galleria. Sono interessato a un contesto internazionale e guardo con favore agli Stati Uniti. Dubai èun po’ acerba per il mercato fine art” .

 

Il racconto completo che Antonio Saba fa ripercorrendo la sua carriera, svelando le sue preferenze sull’uso e la tipologia di attrezzatura nonché il suo approccio fotografico, lo puoi leggere su Nikon Photography 71, ora in edicola e disponibile online.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply