In occasione del Festival Fotografico Europeo organizzato da Afi, le sale del MA*GA ospitano la personale di uno dei più famosi fotografi italiani, conosciuto e celebrato in tutto il mondo.
Nel 1963 Szarkowski consacrò Mario Giacomelli tra i cento autori migliori al mondo: oggi va in scena una grande esposizione, a cura di Enrica Viganò, composta da 101 scatti selezionati e ordinati direttamente dall’artista nel 1984 per un evento espositivo a Lonato, cittadina alla quale Giacomelli donò alcune delle sue opere.



La mostra si sviluppa rispettando i nuclei tematici scelti e curati dallo stesso Giacomelli, che regalano allo spettatore una visione complessiva della sua produzione artistica: Mia moglie (1955), La mia modella (1955), Mia madre (1956), Io non ho mani che mi accarezzino il volto (1961-1963), Lourdes (1957), La buona terra (1964-1965), Scanno (1957-1959), Verrà la morte e avrà i tuoi occhi (1955-1956 / 1981-1983), Caroline Branson da Spoon River (1971-1973), Gabbiani (1981-1984).
A legare queste sezioni tematiche, sono presenti 41 fotografie di paesaggio dal titolo Presa di coscienza sulla natura (1955-1984), che raccolgono una lunga e minuziosa ricerca durata decenni.

Info:
Indirizzo: Palazzo Leone da Perego, via Gilardelli 10 Legnano (MI)
Orari: giovedì-venerdì 9.30-12.30
sabato-domenica 10-12.30 e 16-19
Tel: 03.31.70.60.11
Mail: [email protected]
Web: www.museomaga.it

fino al 4 giugno

NO COMMENTS

Leave a Reply