Arriva dagli Stati Uniti l’action cam wearable più innovativa del mercato. Si chiama iON Camera SnapCam ed è interamente votata al social. Difatti è in grado di catturare fotografie e video in alta definizione consentendo anche il live streaming e, grazie alla modalità wireless, può essere collegata allo smartphone o tablet per la condivisione immediata sui Social Network.

ion-camera-snapcam-bumperCon soli 4×4 cm di larghezza, 1,3 cm di spessore e il peso ultra leggero di 33 grammi SnapCam è anche comodissima da indossare. La clip a linguetta e quella magnetica consentono, infatti, di posizionarla ovunque, sui vestiti, sugli zaini o addirittura sui cappelli, mentre il design in metallo spazzolato disponibile nei tre colori titanio, argento o bianco, la rendono perfetta per ogni occasione e con ogni stile. Con un tocco, SnapCam cattura immagini in alta risoluzione da 8 Megapixel. Il doppio tocco invece avvia la registrazione di video in HD da 720p a 30fps. Sfiorandola con il dito si attiva il live streaming video, che si può interrompere sfiorandola una seconda volta. Video e foto vengono salvate direttamente sulla scheda microSD fino a 32 Gigabyte o sullo smartphone tramite Bluetooth o Wi-Fi.

La batteria integrata garantisce un’autonomia in stand-by di ben sette giorni, così da essere adoperabile in qualsiasi momento senza perdersi nulla. In attività invece, SnapCam può, con una sola ricarica, scattare 5.000 foto in modalità time-lapse, registrare due ore di video, oppure un’ora di live streaming. Trovate SnapCam nei negozi a un prezzo molto conveniente (sotto i 90 euro) corredata da tanti accessori per personalizzarla.

Mauro Fabbri
Da vent’anni si occupa di cultura fotografica e consumer technology. Ha diretto testate storiche nel settore, come Almanacco Fotografare, Foto-Notiziario, Digital Lifestyle, ImageMAG e Foto-News. A fine anni ’90 ha ideato e lanciato alcune tra le prime pubblicazioni on-line legate al mondo imaging e hi-tech. Grazie alle diversificate esperienze nel campo della comunicazione, oggi si divide fra l’attività giornalistica e l’ideazione di nuove operazioni editoriali, progetti speciali e infoprodotti digitali.

NO COMMENTS

Leave a Reply