Compatta nel formato, grande nelle prestazioni: è in arrivo la nuova Cyber-shot HX350 con super zoom 50x


  • Obiettivo ZEISS Vario-Sonnar T* con zoom ottico 50x e zoom Clear Image 100x per primi piani mozzafiato
  • Comandi manuali e mirino elettronico per scatti professionali stile reflex anche con una fotocamera compatta
  • Sensore retroilluminato CMOS Exmor R da 20,4 megapixel effettivi con processore d’immagine BIONZ X
  • Optical SteadyShot e modalità Intelligent Active per foto e video stabili e perfettamente a fuoco
  • Inquadratura rapida e precisa dei soggetti in movimento grazie ai sistemi Lock-on AF e DMF (messa a fuoco diretta manuale)

Paesaggi sconfinati, natura esotica, volti familiari: non esistono scene impossibili per il potentissimo zoom della fotocamera Sony Cyber-shot HX350.

I fotografi più esigenti, in cerca di qualcosa di più di uno smartphone, non rimarranno indifferenti al mix di funzioni intuitive e stile reflex di questa fotocamera. Praticissima da impugnare con una sola mano, la nuova HX350 racchiude prestazioni professionali e infinite possibilità creative in un corpo compatto con obiettivo fisso.

L’obiettivo ZEISS Vario-Sonnar T* si adatta a qualsiasi situazione di scatto, grazie al potente zoom ottico con fattore d’ingrandimento 50x, che copre dai 24 mm del grandangolo ai 1200 mm del super teleobiettivo (equivalente al formato 35 mm). Inoltre, lo zoom Clear Image raddoppia l’ingrandimento effettivo dell’ottica portandolo a ben 100xi, per immortalare edifici, persone o animali come a pochi centimetri di distanza.

Come i professionisti sanno bene, le vibrazioni non sono l’ideale per scattare foto zoommate. Lo stabilizzatore Optical SteadyShot elimina il problema, modificando rapidamente la posizione di un gruppo di elementi ottici per correggere anche i tremolii più impercettibili e restituire risultati nitidi. La modalità Intelligent Active sfrutta la tecnologia di analisi dei frame proprietaria di Sony per ottenere lo stesso effetto sui video Full HD.

I cultori della fotografia rimarranno colpiti dal sensore retroilluminato CMOS Exmor R ad alta risoluzione con 20,4 megapixel effettivi e dal velocissimo processore d’immagine BIONZ X. Anche scattando a mano libera in ambienti chiusi o in condizioni di scarsa luminosità, immagini e filmati in Full HD risulteranno sempre definiti, vividi e a prova di rumore.

Nonostante l’estrema facilità d’uso, la nuova Cyber-shot HX350 fa sul serio in fatto di funzioni. Oltre alla ghiera manuale, che consente di regolare fluidamente zoom e messa a fuoco, il corpo macchina è provvisto di un selettore delle modalità e di un pulsante personalizzabile a portata di dito, per regolare all’istante le impostazioni preferite. In più, i comandi P/A/S/M permettono di sfruttare tutte le possibili opzioni di esposizione per creare immagini e filmati Full HD di grande impatto. I registi in erba apprezzeranno anche la dovizia di dettagli della modalità di ripresa a 24p, che non ha nulla da invidiare al grande cinema.

Per le inquadrature, è possibile scegliere se affidarsi al mirino elettronico ad alto contrasto – paragonabile a quello di una Reflex digitale – oppure passare allo schermo LCD da 7,5 cm (tipo 3.0) inclinabile manualmente con una risoluzione di 921.000 punti.

Tra le funzioni più avanzate spicca Motion Shot Video, che trasforma i servizi di tennis o le prodezze sul green in sequenze di immagini sovrapposte, una per ogni frazione di secondo. Una volta terminato lo shooting, per ammirare il risultato in tutto il suo splendore è sufficiente collegare la fotocamera a un televisore 4K – ad esempio un TV BRAVI compatibile con la tecnologia TRILUMINO Colour, garanzia di una visualizzazione intensa e realistica.

Per ulteriori dettagli sul modello HX350, cliccare qui. La fotocamera sarà in vendita in Europa a partire da gennaio 2017.


Informazioni ambientaliI componenti di questi prodotti sono realizzati in “SoRPlas” (Sony Recycled Plastic), una sostanza composta al 99% da materiali riciclati e ottenuta in parte da plastica recuperata.

 

NO COMMENTS

Leave a Reply