2_maledettifotografi_logodi Enrico Ratto


L’8 dicembre del 1980 John Lennon viene ucciso a New York. Quella stessa mattina Annie Leibovitz scatta la sua ultima fotografia insieme a Yoko Ono.


John Lennon e Yoko Ono © Annie Leibovitz
John Lennon e Yoko Ono © Annie Leibovitz

La mattina dell’8 dicembre 1980, Annie Leibovitz raggiunge John Lennon e Yoko Ono al Dakota Building, Central Park West, New York, per realizzare un servizio per Rolling Stone.
Dopo aver scattato per un paio d’ore, Lennon chiede alla fotografa di coinvolgere anche Yoko Ono. Annie Leibovitz dice che “nessuno avrebbe voluto una foto di Yoko Ono in copertina”. Ma dopo qualche discussione anche Yoko Ono partecipa alla sessione. Yoko Ono non aveva nessuna intenzione di spogliarsi integralmente, è disposta a togliere i pantaloni ma non la maglia. Annie Leibovitz, piuttosto impazientita, le dice di restare vestita. Lennon si spoglia.
La fotografa utilizza una Polaroid per fotografare questo abbraccio – o intreccio – e, quando i due vedono la foto, esclamano “hai catturato l’essenza della nostra relazione”. In una situazione normale, probabilmente, questa foto sarebbe stata scartata. Invece, questa immagine finirà sulla copertina di Rolling Stone del 22 gennaio 1981. Verrà impaginata senza testo, senza titoli, senza didascalie, solo il nome della testata. La mattina era una foto celebrativa, la sera era già un obituary, un necrologio.

Dopo gli scatti, John Lennon esce dal palazzo, firma qualche autografo prima di salire sulla limousine che lo porta agli studi di registrazione, e tra i fan che saluta c’è Mark David Chapman. La stessa sera, Chapman – che, tra i retroscena che la storia in casi come questo è solita tramandare, c’è il fatto che teneva in tasca una copia del Giovane Holden – ucciderà John Lennon con cinque colpi di pistola, proprio dove si erano incontrati poche ore prima, di fronte alla reception del Dakota.

Annie Leibovitz ha scattato questa foto alle 11.30 della mattina. Alle 22.50 John Lennon era morto.
Nel 2005, l’American Society of Magazine Editors giudica la copertina del RS come la miglior cover della storia.


NO COMMENTS

Leave a Reply