di Alessandro Curti


Viaggio nella più grande e importante istituzione completamente dedicata alla fotografia al mondo, nel cuore della Grande Mela

icp_museum_ext_metnick


Oltre 700 mostre ospitate e organizzate, centinaia di corsi e più di 3000 fotografi e artisti presentati dall’anno della sua fondazione voluta da Cornell Capa e Micha Bar-Am, il 1974.
L’ICP di New York si presenta con questi numeri impressionanti e ad oggi continua a essere considerato tra le eccellenze mondiali nel campo della fotografia.
Recentemente è stata aperta una nuova grande sede al 250 di Bowery, nella Lower Manhattan, e i progetti artistici sono destinati a crescere esponenzialmente, a testimonianza del fatto che la fotografia sta vivendo un periodo di buona salute e rinnovata considerazione.


“La fotografia è la più contemporanea tra le forme d’arte. È il mezzo più vitale, efficace e universale di comunicazione di fatti e idee fra popoli e nazioni”.

Cornell Capa


Infinity Awards
Dal 1985 il museo conferisce annualmente un premio che supporta i giovani talenti emergenti della fotografia contemporanea e un riconoscimento ai più grandi fotografi al mondo.
Gli Awards sono stati vinti da artisti del calibro di Annie Leibovitz, Henri Cartier-Bresson, Robert Frank e Malick Sidibé, solo per citarne alcuni.
L’edizione 2016 ha avuto oltre 500 selezionati partecipanti e il premio principale (categoria Lifetime Achievement) è stato vinto dal celebre ritrattista britannico David Bailey.

icp_museum_int_metnick


Collezione
Con oltre 10 mila fotografia in archivio, soprattutto di fotografia documentaristica, l’ICP dispone di una delle collezioni più preziose al mondo. Si possono trovare nomi di personalità come W. Eugene Smith, Lisette Model, Robert Capa e molti altri. L’obiettivo di questa raccolta è quello di mantenere vive la memoria e la cultura della fotografia di reportage, conferendo una grande importanza alla Storia e al suo ricordo nel presente e nel futuro.

Mostre
Fino all’8 gennaio 2017 è possibile visitare l’esposizione Public, Private and Secret, organizzata da Charlotte Cotton. La mostra si propone di indagare il complesso concetto della privacy all’interno della società contemporanea e vuole sviluppare una riflessione sul rapporto fra identità personale e visibilità pubblica in un mondo costellato di applicazioni social, immagini, telecamere e smartphone dove la sfera privata è sempre più difficile da mantenere tale.
Fotografie, video e installazioni che vogliono raccontare il nostro mondo immagine-centrico e far nascere nello spettatore una riflessione e una reazione.
Tra gli artisti presenti Cindy Sherman, Nan Goldin e Andy Warhol.


Info:
Indirizzo: 250 Bowery, New York, NY
Orari: martedì-domenica 10-18; chiuso lunedì
Tel: +1 21.28.57.00.00
Mail: [email protected]
Web: www.icp.org

Commenta via Facebook

NO COMMENTS

Leave a Reply