Davide Monteleone, fotoreporter noto per la sua fotografia documentaria e per i numerosi premi internazionali che gli è valsa, va ad aggiungersi ai primi cinque fotografi italiani entrati a far parte quest’anno del programma internazionale “Sony Global Imaging Ambassadors”.

Particolarmente conosciuto per il suo interesse verso i Paesi dell’ex Unione Sovietica, ha pubblicato diversi libri su queste tematiche, fra i quali “Dusha, Russian Soul” (2007), “La Linea Inesistente” (2009), “Red Thistle” (2012) e “Spasibo” (2013). I suoi numerosi progetti, fra i quali “Catalogue from Lampedusa”, “Relics of Maidan” e “Spasibo”, testimoniano il suo interesse per le problematiche sociali, andando a raccontare situazioni come l’immigrazione clandestina, la rivoluzione in Ucraina e il contesto socio-politico in Cecenia. Racconti multimediali che ne definiscono uno stile che integra diverse modalità di racconto – le quali non riguardano solo la fotografia ma anche il video e il testo – e che gli hanno permesso di aggiudicarsi diversi premi internazionali.


Tajikistan, Gorno Badakhshan Autonomous Region. 06/2016. Mountain landcsape on the Afghan-Tajik border in Pamir.   GENERAL CAPTION*** It has been occupied by the Russians, the Mongols, the Turks, the Arabs and the Uzbeks, the Chinese, as well as Genghis Khan. The ancient, mountainous state of Tajikistan has been at the crossroads of Asian civilizations for over a thousand years. In terms of leadership the republic is not post-Soviet at all: Emomali Rahmon (Rahmonov during Soviet times) has run his republic uncontested since 1992. The smallest and poorest of all formerly Soviet republics, because of is geographical position has served as an important staging area and supply route for US and Nato operations against the Taliban. At the same time, Tajikistan is heavily dependent on Russia for economic and strategic aid and Moscow maintains an army division on Tajik soil. More than a million Tajiks, or about an eighth of the population, are believed to be in Russia as guest workers, but just recently, because of the sanction in Russia and downfall of rubles, many Tajiks are returning in the country.
Tajikistan, 06/2016. © Davide Monteleone

“Vengo dalla tradizione della fotografia documentaria, ma il mio principale interesse non è quello di trasmettere semplici informazioni, ma di incoraggiare la curiosità. La miglior storia non è nella foto in sé ma intorno e dietro di essa. L’immagine è la finestra emotiva che si affaccia sulla vera storia da scoprire”, dichiara Monteleone, che a proposito della sua partecipazione al Sony Global Imaging Ambassadors Programme si dice “felice di far parte di un programma che supporta la fotografia e i fotografi”.

Sito web: http://www.davidemonteleone.com/

Commenta via Facebook

NO COMMENTS

Leave a Reply