Il Toscana Foto Festival si rinnova. Dal 3 al 20 luglio a Massa Marittima fotografia tra innovazione, luce, musica e riscoperta del territorio.

Una mostra fotografica site specific, workshop e una performance che mette insieme musica jazz e fotografia. Sono questi i fili conduttori del Toscana Foto Festival arrivato alla 24 esima edizione ma che rispetto al passato si rinnova radicalmente con una nuova formula e un interessante programma di eventi che si svolgeranno dal 3 al 20 luglio a Massa Marittima, nel cuore delle Colline Metallifere (Gr).

Ivan Falardi, la partenza del treno giallo.
Ivan Falardi, la partenza del treno giallo.

Si comincia il 3 luglio con la mostra dal regista e fotografo Ivan Falardi dal titolo “Let’s Light – La grammatica della luce”, che si svolgerà nel Palazzo dell’Abbondanza dal 3 al 20 luglio. Si tratta di un innovativo progetto fotografico site specific realizzato a Massa Marittima e in tutto il suo territorio dove l’autore ha scelto di cogliere e reinterpretare il fascino della città e delle sue frazioni: Niccioleta, Prata, Tatti, Ghirlanda e Valpiana con una serie di scatti realizzati appositamente con la tecnica fotografica del light painting.

Una tecnica fotografica che permette al fotografo di “dipingere con la luce” ovvero di disegnare tracce luminose controllando con maestria una sorgente luminosa proprio come se fosse un pennello, agendo in ambiente buio e servendosi di lunghi tempi di esposizione. In tal senso, la luce non è più strumentale alla realizzazione dell’immagine fotografica ma diventa un medium artistico attraverso il quale il fotografo esprime se stesso grazie alla possibilità di materializzare la luce che, al pari del colore sulla tela, si trasforma in materia da modellare, divenendo essa stessa il prodotto del processo creativo. Il progetto nasce da una un’idea di Riccardo Zipoli, docente di ideazione e produzione fotografia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, che collabora dal 2013 col Comune alle attività rivolte ai giovani all’interno del Toscana Foto Festival e che ha proposto appunto per il TFF 2016 settore under 35 di trasformare un lavoro di ricerca universitario sulla tecnica fotografica del Light Painting di una giovane allieva neo laureata, Beatrice Audrito, in un evento artistico-culturale che coinvolge il regista, fotografo e light painter italiano Ivan Falardi, al cui lavoro nel gennaio 2015 la rivista Reflex ha dedicato otto pagine, presentandolo come uno dei fotografi di light painting più interessanti nel panorama italiano.

Ivan Falardi, Le luci della pace ritrovata
Ivan Falardi, Le luci della pace ritrovata

Oltre alla mostra il Toscana Foto Festival ha in programma anche altri eventi. Il 10 luglio alle ore 21 nel suggestivo Giardino d’arte Norma Parenti si svolgerà una performance che mette insieme le fotografie di Ivan Falardi e la musica del sassofonista jazz Stefano Cocco Cantini. Poi sono previsti alcuni interessanti workshop gratuiti destinati in particolare ai giovani ( per iscrizioni[email protected]). Nel Palazzo dell’Abbondanza lunedì 4 luglio sarà lo stesso Ivan Falardi ha tenere un workshop sul light painting dalle ore 9 alle 13 con l’introduzione di Beatrice Audrito e la partecipazione del sassofonista Stefano Cocco Cantini.  Venerdì 8 luglio dalle 9 alle 17 all’ex Convento delle Clarisse,  il Gruppo Fotografico Massa Marittima BFI terrà un workshop di fotografia stenopeica con il patrocinio della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche). Il workshop prevede una introduzione teorica a questa antica tecnica fotografica, la realizzazione della macchina per fotografia stenopeica, l’effettuazione ripresa e sviluppo immagini.

Al  termine  del  workshop,  si  prevede  di  realizzare  una mostra delle immagini prodotte dagli allievi. Infine sempre alle Clarisse mercoledì 6 e giovedì 7 luglio dalle 9 alle 17 è previsto un  workshop di Wikimedia Italia con wikigita e safari fotografico a Massa Marittima in preparazione della quinta edizione del concorso gratuito e aperto a tutti Wiki Loves Monuments, il concorso fotografico gratuito e aperto a tutti che ha come obiettivo la classificazione del patrimonio culturale e artistico italiano ma anche la sensibilizzazione delle istituzioni verso temi importanti come l’uso delle licenze libere e l’introduzione della libertà di panorama.

“Questa edizione del Toscana Foto Festival – spiega Marco Paperini assessore alla cultura del Comune di Massa Marittima – rappresenta un punto di partenza per il rinnovamento di questa manifestazione che, anche se negli anni passati ha avuto indubbi meriti, oggi però necessità di un cambiamento radicale. Per questo motivo abbiamo pensato di allargare la partecipazione degli artisti al territorio con il coinvolgimento diretto delle frazioni e dei loro abitanti e ad organizzare workshop che privilegino la partecipazione dei giovani, o per meglio dire dei nuovi artisti. Il nostro obiettivo infatti – prosegue l’assessore alla cultura – è quello di volgere l’attenzione alla formazione di professionalità non ancora emerse e non solo all’esibizione di opere di fotografi già affermati. Una linea che caratterizzerà le prossime edizioni della rassegna per fare in modo che  il Toscana Foto Festival diventi, non solo una manifestazione ancora più importante a livello nazionale e internazionale, ma parte integrante dell’identità di Massa Marittima, un centro di formazione e promozione dell’arte fotografica  – conclude Marco Paperini – non solo in luglio ma nel corso di tutto l’anno”.

Il Toscana Foto Festival è organizzato dal Comune di Massa Marittima in collaborazione con il Gruppo Fotografico Massa Marittima.

Per informazioni Comune di Massa Marittima, tel. 0566906290, Facebook: ToscanaFotoFestival2016

NO COMMENTS

Leave a Reply