di Alessandro Curti


Arriva a Milano, per la prima volta in Italia, uno dei padri della fotografia dell’Ottocento, da tutti considerato il primo fotografo del movimento.
Inglese di nascita, ma statunitense d’adozione, Muybridge fu un grande sperimentatore di tecniche innovative per la fotografia e inventò il movimento creando, con l’aiuto di ventiquattro fotocamere tra loro collegate, delle sequenze che rivoluzionarono completamente il mondo della visione e dell’arte.

© Eadweard Muybridge
© Eadweard Muybridge

Le sue immagini furono un punto di svolta fondamentale perché diedero dignità e attendibilità scientifica alla fotografia, influenzando il modo di dipingere di pittori del calibro di Degas, che dovettero cambiare prospettiva nelle loro rappresentazioni. Prodotta e organizzata dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, la mostra è di sicuro interesse, anche sotto l’aspetto didattico: è riprodotto il set che il fotografo utilizzò nei suoi esperimenti – l’intenzione è di far rivivere ai visitatori l’esperienza di Muybridge a oltre un secolo di distanza –.


Info:
Luogo: Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59, 20123 Milano
Tel: 02.48.00.80.15.
Email: [email protected]
Web: www.creval.it

fino al 31 luglio

Commenta via Facebook

NO COMMENTS

Leave a Reply