Fino a che punto spingersi per una foto?

A cura di Denis Curti

Angela Nikolau è una ragazza russa di ventiquattro anni figlia di trapezisti del circo di Mosca e il suo profilo Instagram conta più di mezzo milione di seguaci. Al contrario di quel che si possa pensare, Angela non è una modella ma, come da tradizione nella sua famiglia, ciò che condivide è l’amore per il pericolo e scatti di lei in equilibrio sui grattacieli più alti del mondo.  

La sua vita è letteralmente appesa a un filo e, nonostante ciò, continua settimanalmente a pubblicare foto dove un semplice colpo di vento o un piede messo nella posizione sbagliata possono portarla alla morte. Molte aziende internazionali fanno a gara per poter sponsorizzare o comparire in uno dei suoi post, sostenendo e alimentando indirettamente la sua pericolosissima pratica, illegale in quasi tutti gli Stati, e soggetta a un dilagante fenomeno di emulazione tra i ragazzi di tutto il mondo.

Un business milionario quello dei selfie estremi, detto anche Daredevils Selfie, che ha già provocato molte vittime in tutto il mondo e fatto correre ai ripari diversi governi promuovendo un vademecum per i selfie sicuri. Alla luce di questo fenomeno globale rifletto e mi chiedo che valore si dia oggi a una fotografia. Possibile che questa sia diventata così fondamentale per affermare la nostra identità tanto da mettere in pericolo la nostra stessa esistenza? Nella storia della fotografia, diversi sono stati i fotoreporter che per uno scatto hanno perso la vita, come Robert Capa, che nel 1954 morì in seguito all’esplosione di una mina durante la Prima Guerra dell’Indocina mentre saliva su un terrapieno per poter scattare una foto, o David Seymour (Chim), che fu brutalmente assassinato nel 1956 in Egitto durante la crisi del Canale di Suez. Questi grandi reporter, come molti altri nei decenni, hanno sacrificato la loro vita per poter documentare la Storia e spesso i loro scatti hanno influenzato eventi mondiali.

Oggi, invece, ciò che muove le persone sembra essere semplice esibizionismo ed esaltazione collettiva.