Steve McCurry Icons

Villa Bardini ospiterà sino al 16 settembre una mostra dedicata a uno dei più grandi maestri della fotografia mondiale, “Steve McCurry Icons”.
L’esposizione, grazie a 100 scatti del fotografo, conduce i visitatori in un viaggio simbolico nell’universo di esperienze e sopratutto di emozioni, che caratterizza le sue immagini e che attraversa paesi come la Birmania, il Giappone, Cuba e l’Afghanistan.

Immancabile è il famoso ritratto di Sharbat Gula, l’icona che raffigura la ragazza afghana con grandi occhi verdi, fotografata da McCurry in un villaggio profughi nel 1985.

Gli scatti di Steve McCurry

La curatrice della mostra, Biba Giachetti, racconta che le foto di McCurry evidenziano una condizione umana fatta di “sentimenti universali, di sguardi, la cui fierezza afferma dignità“. Gli scatti in mostra raccontano, però, anche di conflitti e guerre:  viene proiettato un video in cui l’artista racconta il suo modo di intendere la fotografia. “Se sai aspettare le persone si dimenticano della tua macchina fotografica e la loro anima esce allo scoperto

Steve McCurry Icons: programma

La mostra è organizzata da Photodepartments e SudEst57, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e dalla Fondazione Bardini e Peyron col Comune di Firenze-Settore cultura.

Orari: da martedì a domenica, dalle 10 alle 19 sino al 16 settembre 

Sul sito di Villa Bardini tutte le informazioni sulla mostra fiorentina Steve McCurry Icons.